Sconfiggere il terrorismo: presentazione del libro a Firenze

UFFICIO STAMPA COMUNE DI FIRENZE PRESENTAZIONE DEL LIBRO SCONFIGGERE IL TERRORISMO DI ANDREA MANCIULLI RESPONSABILE COMMISSIONE PERMANENTE ITALIANA ALLA NATO NELLA SALA DEI GIGLI DI PALAZZO VECCHIO PRESENTI IL MINISTRO ROBERTA PINOTTI E IL SINDACO DARIO NARDELLA CGE FOTOGIORNALISMO

Lunedì 27 novembre presso Palazzo Vecchio, a Firenze, alla presenza del Ministro della Difesa, Roberta Pinotti, e del Sindaco della Città Metropolitana di Firenze, Dario Nardella, è stato presentato il libro “Sconfiggere il terrorismo. L’evoluzione della minaccia jihadista e gli strumenti legislativi di contrasto”  di cui è autore Andrea Manciulli. Continua a leggere

GSM NATO 2017 : approvato il rapporto di Andrea Manciulli, che è eletto Presidente del GSM

GSM

38561824306_dc810811cd_zAndrea Manciulli è il nuovo Presidente del Gruppo Speciale Mediterraneo e Medio Oriente (GSM) dell’Assemblea parlamentare della NATO.

Il Seminario del GSM 2017 si è tenuto il 23 e 24 novembre presso l’Aula Plenaria di Palazzo Montecitorio  e vi hanno preso parte più di 40 delegazioni in rappresentanza dei Paesi NATO, dei Paesi Mediterranei associati alla Nato, dei Paesi del Golfo, e di quelli della sponda Sud del Mediterraneo per confrontarsi su temi di stringente attualità: la situazione in Libia e Nord Africa; la crisi migratoria; la situazione in Siria ed Iraq; la minaccia terroristica per l’Europa e i Balcani occidentali; prevenzione della radicalizzazione e contrasto all’estremismo violento.

rapportoIn particolare, la prima sessione dei lavori è stata dedicata alla discussione del rapporto presentato  da  Andrea Manciulli su “La minaccia ISIL/DAESH e Al-Qaeda all’Europa” che intende focalizzare l’attenzione dell’Alleanza sui pericoli della radicalizzazione e sulla necessità della prevenzione.

La relazione è stata approvata dalla Assemblea e il testo è disponibile QUI

* * *

PHOTO GALLERY

selezione_agenzie

37712752465_eaf912241d_o

Il mio editoriale

Il rischio creato delle fakenews

Non si tratta di una invenzione del Pd ma è un tema che dovrebbe stare a cuore a tutti: in gioco c’è la democrazia.

fake news democratica

 

La fase storica e politica che stiamo attraversando in tutto l’Occidente è particolarmente complessa. Il clima di sfiducia nelle istituzioni e nella politica, mista a sentimenti di rancore e paura che riemergono parallelamente a nuove forme di sovranismo e di nazionalismo paiono mettere in dubbio conquiste politiche e valori che ritenevamo ormai consolidati, minando la stabilità delle nostre democrazie. Anni di congiuntura economica difficile, insieme a problematiche come l’impatto dei flussi migratori e le minacce emergenti nel mondo globale, costituiscono certamente il terreno ideale su cui forme molto subdole di disinformazione e propaganda possono insinuarsi, approfittando delle fratture sociali aperte dalla crisi economica e identitaria presenti ormai da diversi anni nelle nostre comunità. Continua a leggere

Aggiornamento Nord Corea e questione nucleare

Negli ultimi mesi la Corea del Nord ha richiamato l’attenzione del mondo intero effettuando degli  200px-Table_layout_of_Six-Party_Talks.svgesperimenti nucleari. Come ricorderete, nella newsletter n. 21 abbiamo cercato di inquadrare gli intenti perseguiti dal regime di Kim, la pericolosità della bomba all’idrogeno rispetto a quella nucleare “classica” (sganciata su Hiroshima e Nagasaki nel 1945) e gli sforzi condotti sinora dalla comunità internazionale per promuovere la non proliferazione nucleare e richiamare la Corea del Nord. Quello scenario descritto un anno e mezzo fa non trova evoluzioni positive, bensì si registra un suo inasprimento con un ritorno più che evidente della deterrenza e di pratiche tipiche della politica di potenza.

In questa newsletter cercheremo di capire l’approccio dei vari stati capaci di incidere sulla vicenda e come esso si è evoluto rispetto al nostro precedente approfondimento.

–>  LEGGI LA NEWSLETTER 

bomb

SIGONELLA: IL NUOVO HUB NATO PER LA RICOGNIZIONE STRATEGICA

 di Alessandra Giada Dibenedetto, Ce.S.I. sigonella cesi

Nel 1995 i ministri della Difesa dei Paesi NATO concordarono sulla necessità di garantire all’Alleanza completa capacità di sorveglianza di vaste aree terrestri e marittime attraverso sensori radar aerei.

Il programma, chiamato Alliance Ground Surveillance (AGS – Sorveglianza del Territorio Alleato), prese ufficialmente il via solo nel 2009, quando gli stati aderenti al progetto firmarono il relativo memorandum d’intesa e l’organizzazione di gestione dell’AGS  (chiamata NAGSMO) venne fondata.

Continua a leggere